28 ottobre 2016

Praline di Cioccolato


In principio era l’uovo, quello di Pasqua.
Nato a febbraio, con la sorpresa di un progetto di alto valore sociale, dopo tanto studiare e sperimentare, è stato il primo passo di un cammino di cioccolato. I laboratori della pasticceria, all’interno del carcere Due Palazzi di Padova, si sono profumati di buono, ci abbiamo preso gusto e… abbiamo deciso di non smettere.

I nostri maestri pasticceri sono partiti da un’emozione: la selezione delle materie prime. Miele del Montello e rosmarino, arachidi e fior di sale di Pirano, passito fior d’Arancio dei colli Euganei, lamponi, aceto balsamico di Modena, fior di lavanda dell’Oltrepò mantovano e frutto della passione: ingredienti semplici ma di altissima qualità, da riconoscere in purezza, insieme ad una lavorazione tutta artigianale e un cioccolato che parla italiano. Il risultato sono nove praline golose, custodite all’interno di una scatola preziosa.

Non solo di gola si tratta però, ma anche di cuore. All’interno della confezione regalo una pralina, quella all’aceto balsamico, profuma dell’amicizia speciale con Lorenzo Guerzoni, e la sua acetaia. Colpita dal terremoto nel 2012, non ha perso memoria dell’aiuto ricevuto e ha voluto farne tesoro, cercandoci per sostenere insieme i terremotati del centro Italia. Nasce così il progetto Cuor di pralina, che per ogni scatola acquistata dona un contributo di 1 euro alla ricostruzione di Amatrice.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn