27 febbraio 2014

Le frittelle del carcere alla “Corri per Padova”


 le frittelle alla corri per padova

 

Una dolce sorpresa Giovedì Grasso per tutti i runners e il nordic walkers di Corri per Padova. Giovedì 27 febbraio ad attenderli all’arrivo, in piazzetta Conciapelli, troveranno un gazebo della Pasticceria Giotto del Carcere di Padova con mille maxi-frittelle al naturale, con crema o zabaione realizzate il giorno stesso.

 

La pasticceria, che ha appena ricevuto il premio per “Migliore pasticceria dell’anno 2013” al referendum indetto dal Gastronauta Davide Paolini, dopo una stagione natalizia record, in cui sono stati prodotti 74mila panettoni artigianali, è pienamente all’opera dietro le sbarre della casa di reclusione Due Palazzi con frittelle e galani che vanno a rifornire ristoranti, mense e il punto vendita di via Forcellini e si prepara alle colombe, l’altro pezzo forte dei detenuti pasticceri, spedite in tutto il mondo dal sito www.idolcidigiotto.it.

 

«L’abbinata tra gusto, sociale e sport funziona benissimo», commenta un entusiasta Luca Passarin, presidente della Cooperativa sociale Work Crossing che gestisce la pasticceria. Un imprenditore peraltro passibile di conflitto di interessi, visto che è reduce dalla mezza maratona veronese con un tempo inferiore all’ora e mezza, ragguardevole per un atleta classe 1969. «Le frittelle a Corri per Padova comunque sono assicurate anche per i meno veloci, purché i primi non si abbuffino», raccomanda Passarin. «La tentazione è forte, perché sono buonissime, ma cercate almeno di non reintrodurre più calorie di quelle che avete appena bruciato…»

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn