15 marzo 2016
Pasticceria Giotto a Taste 2016

Racconti per strada


Si è appena conclusa una settimana impegnativa per noi della Pasticceria Giotto. Giorni di chilometri in macchina e di colombe da tagliare, ma anche di sguardi da incrociare, storie da raccontare e profumi da respirare.

 

Dal 6 all’8 marzo siamo stati ad Identità Golose

Il congresso internazionale di cucina organizzato da Paolo Marchi, che si è tenuto al MiCo di Milano. Era la prima volta, per noi, in un contesto che ci sembrava veramente grande. Arrivati in punta di piedi, senza fare rumore, abbiamo incontrato vecchi e nuovi amici, raccolto riscontri positivi sul lavoro che stiamo facendo e ascoltato le parole di grandi maestri. Ne riportiamo indietro tante idee, spunti di studio e progetti per il futuro.

 

Tornati in carcere, controllati i lieviti e appurato che le uova di Pasqua fatte dai nostri ragazzi siano perfette e lucenti, tra il 12 e il 14 marzo ci siamo trasferiti al Taste, alla stazione Leopolda di Firenze, dove ci sentiamo ormai proprio come a casa. Se la nostra prima partecipazione al salone dedicato alle eccellenze del gusto nato in collaborazione con Davide Paolini, infatti, è avvenuta nel 2011, già nel 2012 gli organizzatori di Pitti Immagine hanno voluto organizzare la conferenza stampa introduttiva alla manifestazione proprio nel carcere di Padova, segno di una stima nei nostri confronti che si è trasformata nel tempo in un intenso rapporto d’affetto.

 

Cosa abbiamo raccontato a Firenze?

La nostra lavorazione artigianale: quella delle tradizionali veneziane e di tutte le colombe, da quella classica a quella al cioccolato, passando per le varianti senza canditi, ai frutti di bosco e la nostra novità di quest’anno, la colomba al mandarino, che ha riscosso un grande successo tra il pubblico di addetti ai lavori e i semplici curiosi.

 

Un lievitato soffice dal profumo intenso.

Canditi di arancia e limone e pasta di mandarino tardivo, a svilupparne i sapori.

Un dolce che saprà riscaldarvi il palato con il suo calore mediterraneo.

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn