29 febbraio 2016
IMG_6112

Chocolate notre amour


Grandi novità in questi giorni nei laboratori della Pasticceria Giotto. Un gran profumo di cioccolato nell’aria, grembiuli “vissuti”, giraffe e coccodrilli disegnati sul legno e tante scatole d’acquerelli colorati. Che succede? Abbiamo fatto l’uovo!

 

In che senso? In quello letterale, s’intende. Seguendo il pungolo costante di una ricerca che ci faccia crescere insieme dal punto di vista umano e professionale, dopo aver studiato tanto e ospitato docenti, maestri e amici all’interno del Carcere Due Palazzi di Padova, dopo tutto questo formarci, per la prima volta abbiamo portato il laboratorio alla giusta temperatura, temperato il cioccolato per renderlo lucido e farlo rompere con soddisfazione, ci siamo armati di stampi ed… ecco una montagna di uova di Pasqua sui nostri tavoli, da confezionare con cura nelle scatole di cartone che avevamo già assemblato a mano, una per una.

 

La lista degli ingredienti è breve: solo cioccolato. Quella dei buoni propositi, invece, lunghissima, perché il cioccolato che abbiamo scelto è prodotto da un’azienda che ha la nostra stessa convinzione, che l’alta qualità risulti cioè più buona al palato se coniugata ad un forte impegno sociale, e pertanto contribuisce ad alcuni importanti progetti di sviluppo del territorio, in Uganda, dove ha costruito un centro per la raccolta del cacao secondo moderne tecnologie di lavorazione e supportato gli agricoltori con una formazione sulle tecniche agronomiche moderne per consentire una valorizzazione dei raccolti e un miglioramento della redditività delle piantagioni.

 

Anche le scatole delle nostre uova, così come le sorprese al loro interno, hanno una storia che ci piace raccontare. Sono state pensate e disegnate da I realizzabili, una bottega artigianale, piccola grande fucina di idee originali e colorate, dove ogni oggetto di carta, ceramica o legno è stato interamente creato a mano da persone che attraverso il lavoro danno nuove prospettive alla propria disabilità.

 

Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedIn